Gruyère Cupcakes

I cupcakes sono la mia passione e il mio punto debole, mi lascio tentare ogni volta che li intravedo ed ogni scusa è buona per assaggiarne uno nuovo, soprattutto quando sono in viaggio. Forse è per questo motivo che associo questi dolcetti allo street food e ho voluto provare a farne una versione salata. Ad ispirarmi sono stati sempre loro, i Formaggi dalla Svizzera e l’abbinamento che sono solita fare quando servo un tagliere di formaggi: la marmellata. Infatti per la nota dolce di questi cupckes ho scelto una marmellata di mandarini fatta in casa.
Anche con questa ricetta partecipo al contest Swiss Cheese Parade” organizzato in collaborazione con il blog Peperoni e Patate.

LA RICETTA

WP_20131106_20_15_22_Pro20131113100650[1]

Ingredienti per 8 cupcakes:

  • 200 gr di farina
  • 100 gr di burro
  • 50 gr di Gruyère a dadini
  • 1 uovo
  • 1/2 cucchiaino di sale
  • 1/2 bustina lievito istantaneo

Per la copertura:

  • 50 gr di burro classico
  • 50 gr di burro salato
  • 1 cucchiaio di Sbrinz grattugiato
  • 8 cucchiaini marmellata di mandarini

Tempi:

  • Preparazione: 30′
  • Cottura: 20′ a 180°C

Procedimento:

WP_20131106_20_05_49_Pro20131113100104[1]

Prima di tutto ricordatevi di accendere il forno. Dovrete riscaldarlo fino a raggiungere una temperatura di 180° C.
Sciogliete il burro a bagno maria e lasciatelo intiepidire. In una terrina setacciate farina e lievito, aggiungete l’uovo, il sale e il burro che avete sciolto ed impastate il tutto fino ad ottenere un composto omogeneo.
Infarinate quindi i cubetti di gruyère e poi uniteli all’impasto (in questo modo non scenderanno tutti sul fondo durante la cottura). Imburrate gli stampini che volete utilizzare, riempiteli per metà, e cuocete in forno per circa 20 minuti. Trascorso questo tempo, spegnete il forno e lasciate i vostri cupcakes a riposare ancora per 5 minuti. Tirateli poi fuori e fateli raffreddare un po’ prima di toglierli dagli stampi.
Una volta estratti e del tutto freddi pensate alla farcitura e copertura: con un cucchiaino fate un buco nella parte superiore e riempitelo con della marmellata e per finire decorate i cupcakes con un ciuffo di crema realizzata amalgamando i due tipi di burro con un cucchiaio di sbrinz grattugiato.

Gruyère Cupcakes

Foundue pret a manger

Con questa ricetta partecipo all’edizione 2013 di Swiss Cheese Parade” organizzato da Formaggi dalla Svizzera in collaborazione con il blog Peperoni e Patate. Dietro questo blog c’è la prima foodblogger che ho avuto l’onore di conoscere personalmente lo scorso anno alla FGD di Milano. Allora c’era solo l’idea di fare un blog e i consigli e l’incoraggiamento di Tery sono stati molto importanti. Per questo motivo, anche se sono appena all’inizio ho deciso di partecipare lo stesso, un po’ per mettermi alla prova, ma soprattutto per divertirmi e conoscere altre persone appassionate di cucina come me, e più di me! Se volete potete andare a curiosare qui per vedere cosa hanno creato per questo contest, l’acquolina in bocca è garantita!
Il tema del contest è lo street food, cibo pratico, da mangiare con le mani mentre si sta per strada magari camminando.
La parte che più mi ha affascinato è stato riuscire a trasformare in street quello che di solito non lo è.
Pensando ai formaggi svizzeri la prima cosa che mi è venuta in mente è stata la fonduta, per renderla “da viaggio” dovevo liberarla dalla necessità di una fonte costante di calore e quindi ho aggiunto al formaggio della crema di latte per mantenerla fluida anche mentre si raffredda un po’. Le verdure e le patate da affondare nella fonduta diventano a forma di stick e al posto del pane tostato bastoncini di frolla salata. Ecco la vostra Fondue prêt-à-manger che sfilerà con voi nelle strade della città!

WP_20131106_19_02_02_Pro20131113011220131113083523[1]

LA RICETTA

Ingredienti:

Per gli stick:

Per la Fondue:

  • 200 gr di Grouyère
  • 100 ml di crema di latte
  • 1 cucchiaio di Grand Marnier

Tempi:

  • Preparazione: 45′
  • Cottura: max 20′ per gli stick, 1′ cialda, 10′ fonduta

Procedimento

Pulite le verdure e le patate, tagliate a listarelle dello spessore di 1/2 cm abbondante, lessatele separatamente (patate 20′, zucca 10′, carote 10′, zucchine 5′).
Stendete poi la pastafrolla (per la preparazione guardate qui) e formate dei biscotti a forma di stick sempre  dello spessore di 1/2 cm circa. Infornate quindi a 180° C per 20 minuti.
A cottura ultimata, grattugiate lo sbrintz e, versandolo in una padella antiaderente calda, formate delle cialde. Fate in modo che siano di diametro uguale alla lunghezza degli stick. Arrotolate le cialde negli stick di verdura, patate e frolla. Lavorate direttamente nel pentolino aiutandovi con delle pinze e fate attenzione a non scottarvi!
Per la fonduta grattugiate il grouvyere e fatelo sciogliere a fuoco lento insieme alla panna. L’utilizzo della panna ci permetterà di avere una fonduta più liquida anche senza il calore costante della fiamma, altrimenti non sarebbe molto pratica da portare in giro! Aggiungete per ultimo il grand marnier, mescolate per un altro minuto e versate nel bicchiere da viaggio.
Et voilà: ora potete intingere i vostri stick camminando per la città in puro stile prêt-à-manger!

WP_20131106_18_51_23_Pro20131113084432[1]

Foundue pret a manger

Uno spicchio di TORTA AL TESTO per cominciare

Detta anche Crescia a Gubbio o Pizza nel ternano, la torta al testo è una delle ricette più antiche e popolari della tradizione umbra. Prende il nome proprio dal Testo in cui la si cucina, un disco di dimensioni variabili originariamente in pietra e oggi molto più diffuso nella sua versione in ghisa utilizzabile anche sopra un normale fornello a gas. Non preoccupatevi però: se non lo avete potrete usare anche una padella antiaderente.
Una ricetta “ufficiale” non esiste, ogni famiglia ha la sua che si tramanda di generazione in generazione. Originariamente era un impasto di sola acqua e farina e si presume che solo a partire dagli anni ’60 si sia cominciato ad utilizzare bicarbonato o idrolitina per farla crescere un po’.
Mia nonna aggiunge le uova, il parmigiano e il pecorino perché dice che viene più saporita, mia mamma invece preferisce la semplicità. Dopo vari tentativi anch’io ho trovato la formula perfetta per la mia torta al testo e voglio che sia la prima ricetta da condividere con voi…

Buon appetito!

WP_20130725_01420130725150256

LA RICETTA 4 porzioni

Ingredienti:

  • 500 gr di farina di grano tenero “0”
  • 400 ml circa d’acqua
  • 1 bustina (15 gr) di lievito istantaneo    
  • 2 cucchiai d’olio      
  • 1 cucchiaino di sale  

Tempo:

  • preparazione: 10′  
  • riposo: 35′
  • cottura: 20′    

Procedimento:

Impastate energicamente tutti gli ingredienti aggiungendo l’acqua un po’ alla volta fino ad ottenere un composto morbido ed omogeneo che lascerete riposare per almeno 30’.

WP_20130724_0012013092001100320130920011937

Stendete l’impasto con il mattarello fino a formare un disco alto poco più di 1 cm e lasciatelo riposare altri 5’. Scaldate nel frattempo il testo sul fuoco (la temperatura giusta si raggiunge quando mettendo un pizzico di farina questa si colora appena senza diventare bruna). Adagiate quindi l’impasto sul testo caldo, bucherellate con una forchetta e lasciate cuocere la torta per circa 20’ facendo attenzione a girarla spesso. La vostra torta adesso è pronta per essere farcita.

WP_20130724_01620130725150523

Servitela ancora calda, dividetela in spicchi e tagliatela nel senso della lunghezza per poterla farcire come più vi piace. La torta più classica è sicuramente quella con il prosciutto (rigorosamente crudo) e la più golosa quella con erba e salsicce, ma anche la stracchino e rucola riscuote un discreto successo. Se siete vegani vi suggerisco di provarla con le melanzane grigliate condite con tanto olio o – come ho fatto io – con un buon pesto alla menta.

WP_20130725_02820130725150114

Per la farcitura potete dare libero sfogo alla vostra fantasia, ma potete anche decidere di servirla al posto del pane per accompagnare piatti a base di carne come spezzatini e grigliate.

 E voi? Come la preferite?

Uno spicchio di TORTA AL TESTO per cominciare