Costa Dalmata: consigli pratici

Sebbene qualsiasi guida riporta già molte di queste informazioni, pensiamo che possano essere utili per un veloce recap prima della partenza.

MONETA: KUNA MIA NON TI CONOSCO

Entro il 2018 dovrebbe avvenire il definitivo passaggio alla moneta unica europea.
Entro il 2018 dovrebbe avvenire il definitivo passaggio alla moneta unica europea.

Dal 1° luglio 2013 la Croazia è parte integrante dell’Unione Europea, ma ancora NON é passata all’euro. La valuta locale si chiama Kuna. Potete richiederne in banca prima di partire (quasi sempre sono da prenotare con qualche giorno d’anticipo), cambiare i vostri euro in uno di numerosi uffici di cambio o – e ci sembra la soluzione più pratica – prelevare con il bancomat appena arrivate. Vi occorrerà subito moneta locale, perché raramente le carte di credito/bancomat vengono accettati per i pagamenti (il circuito più diffuso è quello Visa).

SALUTE: È OK LA TESSERA SANITARIA ITALIANA

Grazie all’ingresso in Europa, non sarà più necessario richiedere il modello E111, ma per ricevere cure mediche, dalle prestazioni a ticket a quelle più urgenti come il ricovero ospedaliero, sarà sufficiente presentare la tessera sanitaria italiana che vale come tessera europea di assicurazione malattia (TEAM).

ENERGIA ELETTRICA: PORTATE DELLE PRESE DOPPIE

Le prese di corrente sono le stesse che usiamo in Italia. Potete evitarvi quindi i vari trasformatori. Potrebbero invece tornarvi utili delle prese doppie perché spesso le camere sono parche di prese di corrente.

SPIAGGE: SAND, PEBBLES O ROCKS?

Prapatno
Una delle rare spiagge di sabbia della Dalmazia del Sud.

Vari siti le elencano praticamente tutte. Se vi piacciono gli scogli, questa è la nazione che fa per voi: procuratevi solo delle scarpe adatte e dei materassini per potervi sdraiare in modo più comodo (la catena croata di negozi AQUA ne vende di bellissimi: potrebbero essere dei fantastici souvenir) e sappiate che spesso l’ingresso in acqua è facilitato da piattaforme e scalette (purtroppo a volte a scapito dell’aspetto incontaminato). Di spiagge di sabbia invece ce ne sono decisamente poche e – sinceramente – NON paragonabili con le belle spiagge italiane delle nostre isole o del nostro meridione… é pur sempre Adriatico: se è quello che cercate, cambiate meta. Bellissime invece, a nostro parere, sono le spiagge di sassi: piccoli o grandi, bianchi o rosa, ce n’è per tutti i gusti e con un’acqua talmente cristallina che stenterete a credere si tratti sempre di Adriatico (anche queste, tra l’altro, giustificano l’acquisto di un bel materassino).

scarpe da scoglio
Per godervi il mare della Croazia (che principalmente ha spiagge di ciottoli o scoglio) munitevi di calzature adatte.

Attenzione: con il termine “spiaggia” o “beach” quasi tutte le guide, i siti (e gli stessi croati) intendono indistintamente ciascuno di questi tre tipi. Chiedete espressamente quindi se si tratta di spiagge di sabbia (sand beach), di sassi (pebble beach) o scogli (rocks) per non restare delusi.
Se volete scartare gli scogli, praticamente tutte le altre spiagge sono raggiungibili con strade asfaltate o in terra battuta. Può essere necessario al massimo un po’ di cammino per raggiungere quelle più tranquille e meno frequentate (spesso le più belle). Rinunciate però, purtroppo, all’idea della caletta deserta. Noi non ne abbiamo trovate. Persino le spiagge naturiste (abbiamo imparato che normalmente si scelgono i luoghi migliori e più incontaminati) sono affollate e quindi (almeno per noi) poco interessanti.
Qualsiasi siano le vostre preferenze, sappiate che in Dalmazia le pinete arrivano praticamente fino a dentro il mare in tutte le spiagge: per un po’ d’ombra non dovrete portarvi dietro un ombrellone: nella maggior parte dei casi vi basterà spostarvi di 2 – 3 metri dalla riva e sarete al fresco di un pino (e vi potrete godere il loro fantastico odore).

GUIDA: IL NAVIGATORE SATELLITARE PUÒ SALVARVI LA VITA

In Dalmazia il gasolio costa meno rispetto all’Italia, ci sono vari traghetti che permettono di saltare dei pezzi di strada (particolarmente utili ad esempio per la visita alla penisola di Peljesac), infine l’auto è l’unica soluzione per visitare le spiagge meno affollate (e pertanto spesso più belle). La strada principale che segue la costa dalmata è la Jadranska Magistrala: offre panorami bellissimi, ma mettete in conto che per via delle curve, dei camper e del fatto che è quasi completamente ad una corsia per senso di marcia, difficilmente riuscirete a superare i 50-60 km orari. Le indicazioni stradali sono chiare sulla Magistrala, ma molto più confuse e lacunose appena ci si allontana (spesso è la stessa ricchissima vegetazione a mangiarsi fondamentali segnalazioni). Vi consigliamo di portarvi dietro un navigatore satellitare: per risparmiare tempo potreste anche già salvarvi le tappe del vostro itinerario (così da verificare prima di partire che tutti gli indirizzi vengano riconosciuti). Per guadagnare spazio, potreste utilizzare il vostro stesso smartphone (non tutti sanno che ad esempio tutti i Nokia Lumia – e vari altri Nokia – sono dotati di ottimi navigatori e  danno la possibilità di scaricare gratuitamente le mappe stradali di vari paesi, così da poter utilizzare il navigatore off-line e non spendere in traffico dati).

Nokia HERE Maps
Se avete un Nokia, scaricate sul vostro smartphone le mappe della Croazia prima di partire. Potrete usare il navigatore senza usare il traffico dati.
Annunci
Costa Dalmata: consigli pratici

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...